Ci prepariamo al Ciad

 

Cari amici,

la primavera si avvicina e, con lei, il nostro viaggio in Ciad, dove siamo invitati a partecipare alla celebrazioni previste il 20 di maggio, per i 25 anni della missione delle suore francescane alcantarine a Doba e Bodo.

La partenza è fissata per il 14 dello stesso mese. A fare le valigie saremo io e mia sorella Alessandra e, con noi, partirà la dottoressa Sara Ferrero, medico a Nichelino e amica del Giardino di Titta, che ha offerto la sua collaborazione e competenza, a vantaggio della missione e dei colleghi ciadiani.

Il viaggio sarà anche l’occasione per vedere di persona e raccontarvi come sono state messe a frutto, in questi anni, le donazioni con cui abbiamo sostenuto e continuiamo a sostenere la scuola, il dispensario medico e la comunità delle suore che vivono lì. Nelle due settimane di permanenza cercheremo di capire quali sono le necessità più urgenti e i progetti futuri per quelli che, ormai, consideriamo un po’ i “nostri” bimbi, che frequentano l’échole Josephine Bakita nel villaggio di Bodo, e le “nostre” ragazze, ospitate nel foyer anuarite di Doba, dove vivono e studiano frequentando, fuori dal college, la scuola media e superiore.

Con un proiettore, un piccolo computer portatile e una stampante, che le suore desideravano per fare attività didattiche e di animazione anche post scuola, abbiamo finanziato anche l’acquisto di 60 banchi per gli alunni più grandi, 6 tavoli e altrettante sedie per i maestri della scuola di Bodo, destinando agli arredi 3.970 euro. Con questo investimento completiamo l’organizzazione delle aule, che vedono crescere 382 bimbi, istruiti e nutriti ogni giorno con una merenda energetica di bouillie (riso, arachidi e zucchero), sostenuta come spesa dagli amici del Giardino di Titta.

 

Molte persone, sapendo del nostro viaggio, ci chiedono come possono contribuire e che cosa ci possono dare da portare. Partiamo con una disponibilità di bagaglio di 70 chili a persona, in parte già impegnati da medicinali e materiale didattico. Purtroppo non abbiamo possibilità di caricarci di tutto ciò che vorremmo portare e che potrebbe servire. Compreremo là quanto potremo, con le risorse rimaste dopo gli ultimi investimenti, su cui non gravano i costi del viaggio che, come in passato, ognuna di noi ha scelto di fare sapendo che sarà a proprie spese. In nessun caso i nostri costi personali hanno pesato o peseranno sul bilancio dell’associazione.

 

Chi vuole contribuire agli interventi, che faremo in Ciad e in futuro, può farlo attraverso i consueti canali: le donazioni sul conto corrente dell’associazione e, come ogni anno, la destinazione del 5 per mille al Giardino di Titta, come trovate indicato nei box al fondo di questa pagina.

 

Grazie a tutti voi che vorrete viaggiare con noi.

A presto

Francesca Milani e Il Giardino di Titta

 

DESTINA IL TUO 5 PER MILLE A IL GIARDINO DI TITTA ASSOCIAZIONE ONLUS, INDICANDO NELLA DENUNCIA DEI REDDITI IL CODICE FISCALE 97709200014

 

SOSTIENI LE ATTIVITÀ

UNICREDIT BANCA, CODICE IBAN: IT 11 G 02008 31190 000100552514